Logo Navuss

Case Ater di Via Adamoli, l'assessore Cordoni replica alla presidente Ceci

Attualità  | 04 July 2024

Teramo - “Ci spiace dover intervenire nuovamente sulla questione delle case Ater di via Adamoli, ma le dichiarazioni della Presidente Maria Ceci impongono un chiarimento. A fronte di un’ordinanza del Sindaco Gianguido D’Alberto, che è sempre stato vicino ai residenti, pubblicata il 7 giugno e che ordinava all’azienda di edilizia residenziale pubblica di provvedere alla messa in sicurezza dell’area mediante pulizia, sanificazione e rimozione dei rifiuti dalle aree condominiali, scaturita a sua volta da un sopralluogo effettuato dall’Ufficio Ambiente che aveva evidenziato una situazione di degrado e di incuria a causa della presenza di rifiuti di diversa natura all’interno delle stesse aree, l’ATER si è dimostrata inadempiente. Così il Comune, a fronte di una situazione di rischio igienico-sanitario, si è sostituita all’azienda provvedendo ad effettuare l’intervento. Non ci risulta, ad oggi, che l’ATER abbia fatto ricorso al TAR contro l’ordinanza, pur avendone facoltà.  Di conseguenza le dichiarazioni della Presidente Ceci sono da rigettare al mittente”. Così l’Assessore all’Ambiente  Graziella Cordone, intervenendo sulla situazione della palazzina ATER di via Adamoli. 

“Rileviamo in ogni caso – conclude l’Assessore – che non possono certo essere i residenti a pagare ulteriormente, visti i disagi che hanno già dovuto affrontare in  questi anni. Da parte del Comune c’è sempre stata la massima disponibilità a collaborare e a individuare soluzioni che potessero tutelare tutti, a partire dagli inquilini che da tempo vivono in una situazione particolarmente difficile. E’ a loro che l’Ater dovrebbe chiedere scusa”. 

 

QUESTA LA NOTA DELL'ATER: Nel formulare i migliori auguri alla neo assessore comunale di Teramo con delega all'Ambiente, Graziella Cordone e nel ricordare le parole dell'ex assessore comunale, Ilaria De Sanctis, "Ho trascorso gli ultimi mesi a sollecitare gli uffici che gestiscono il patrimonio a intervenire su via Longo, ma c’era sempre altro da fare. A parte, qualche "pezza" buttata in maniera disorganizzata, nulla è stato fatto: d’altronde con circa € 200.000 cosa si può realizzare? Siamo stati i primi, però, a infuriarci con l’Ater per via Adamoli!", ci rincresce, dover ricordare la prima uscita dell'assessore Cordone per una serie grave di lapsus normativi.

Gli Enti agiscono per atti amministrativi e questi atti rispettano la legge dello Stato. Nel caso di specie, l'Ater ha eseguito i lavori di smaltimento secondo prassi fino a quando insisteva l'area di cantiere. Alla riconsegna delle chiavi, ogni smaltimento privato è da addebitare ai residenti. Nessun ente si può permettere di violare i controlli di organi di rilievo costituzionale, con funzioni di controllo e giurisdizionali. Siamo sicuri che l'ass. Cordone, comprenderà con maggiore esperienza che non si può chiedere a un Ente Pubblico di fare eccezioni e creare dei precedenti amministrativi. 

Rimaniamo a disposizione dell'ass. Cordone per qualsiasi curiosità formativa al suo nuovo ufficio.

Galleria
Condividi:
WhatsApp Image 2024-05-24 at 11.04.58.jpeg
Grafica Miromobili - 300px.png
Navuss è un progetto di comunicazione integrata che prevede la pubblicazione mensile di un periodico, un sito web di informazione quotidiana per poi inserirsi nel panorama televisivo ed editoriale senza tralasciare l'organizzazione di eventi culturali e formativi.
Direttore responsabile: Serena Suriani | Registrato presso il Tribunale di Teramo con iscrizione n°711 | Contatti redazione: redazione@navuss.it - Tel. 347 1579967 | Contatti commerciale: commerciale@navuss.it - Tel. 320 3553940 | PEC: navuss@pec.it
Copyright © 2024 NAVUSS APS ETS. Tutti i diritti riservati - P.IVA e C.F: 02113590679 - Domicilio fiscale: TERAMO, VIA AEROPORTO 14/A
Condizioni e termini di utilizzo - Privacy - Cookie Policy - Dati societari - Note legali