Logo Navuss

VIDEO - Commercialisti teramani critici sul blocco agli sconti e alle cessioni dei bonus edilizi

Economia  | 04 April 2024

Teramo - Il DL 39/2024 ha definitivamente eliminato lo sconto in fattura e la cessione dei crediti d’imposta derivanti dai bonus edilizi, salvo i casi residuali rivolti a soggetti colpiti da eventi sismici.

“Detti provvedimenti rischiano di essere eccessivamente penalizzanti per i contribuenti che perderanno le agevolazioni a cui hanno pieno diritto per errori commessi in buona fede”.

Questo è il commento del Presidente Dell’ordine Dei Dottori Commercialisti E Degli Esperti Contabili di Teramo, Maurizio di Provvido, che plaude alla richiesta avanzata dal Consiglio Nazionale Dei Dottori Commercialisti inviata al Ministro e al Viceministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti e Maurizio Leo, con la quale si evidenziano le rilevanti criticità generate dal provvedimento pubbicato sulla G.U. dello scorso 29 marzo.

La prima, contenuta nell’art. 2 del sopracitato decreto, che vieta di sanare le comunicazioni di opzione tra sconto e cessioni che dovevano essere inviate all’agenzia delle entrate entro il 4 aprile impedendo inoltre di sostituire le comunicazioni inviate tra i 1° e il 4° aprile.

Per tale dettato molti contribuenti perderanno le agevolazioni per errori commessi in buona fede (si pensi ad esempio ad un errore nella trascrizione di un solo codice fiscale in presenza di un condominio composto da centinaia di persone), senza dimenticare che l’istituto della “remissione in bonis” è stato introdotto da oltre 12 anni proprio per tutelare i comportamenti errati commessi dai contribuenti in buona fede.

L’altra, non meno importante, è quella contenuta nell’articolo 1 comma 5 del Decreto-legge che blocca l’efficacia di tutte le CILAS e dei titoli abitativi depositati prima del 17 febbraio 2023 se, alla data del 30 marzo 2024, non è stata sostenuta alcuna spesa documentata da fattura per lavori già effettuati.

In altre parole, i cittadini e le imprese, relativamente ad interventi già avviati, e magari ultimati, per i quali hanno fatto legittimo affidamento sulla possibilità di optare per la cessione del credito e lo sconto in fattura, non potranno accedere a tali opzioni in assenza di spese documentate (e pagate) da fatture alla data del 29 marzo 2024.

Risulta ulteriormente penalizzante la situazione nella quale le fatture siano state emesse prima del 29 marzo scorso ma non siano state ancora pagate dai beneficiari delle detrazioni.

L’auspicio di tutti i commercialisti é che queste criticità possono trovare adeguata soluzione in sede di conversione del Decreto-legge.

VIDEO

Galleria
Condividi:
WhatsApp Image 2024-05-24 at 11.04.58.jpeg
Grafica Miromobili - 300px.png
Navuss è un progetto di comunicazione integrata che prevede la pubblicazione mensile di un periodico, un sito web di informazione quotidiana per poi inserirsi nel panorama televisivo ed editoriale senza tralasciare l'organizzazione di eventi culturali e formativi.
Direttore responsabile: Serena Suriani | Registrato presso il Tribunale di Teramo con iscrizione n°711 | Contatti redazione: redazione@navuss.it - Tel. 347 1579967 | Contatti commerciale: commerciale@navuss.it - Tel. 320 3553940 | PEC: navuss@pec.it
Copyright © 2024 NAVUSS APS ETS. Tutti i diritti riservati - P.IVA e C.F: 02113590679 - Domicilio fiscale: TERAMO, VIA AEROPORTO 14/A
Condizioni e termini di utilizzo - Privacy - Cookie Policy - Dati societari - Note legali