Logo Navuss

Fondazione Tercas, presentato stamane il progetto di restauro e risanamento conservativo di Palazzo Cameli

Attualità  | 04 July 2024

Teramo - E’ stato presentato stamane, nel corso di una Conferenza Stampa, il Progetto di Restauro e Risanamento Conservativo di un edificio acquistato dalla Fondazione Tercas nel 2010 - adiacente a Palazzo Melatino (sede della Fondazione Tercas) e sito tra Largo dei Melatini e via del Gomito, conosciuto come Palazzo Cameli.

 

All’Incontro, che si è tenuto in Palazzo Melatino, con il Presidente della Fondazione,Tiziana Di Sante, il vice presidente Martina Di Musciano ed il Segretario generale dell’Ente, Annamaria Merlini, erano presenti: l’architetto Luigi Franciosini, ProfessoreOrdinario di Progettazione Architettonica e Urbana all’Università Roma Tre, incaricato della redazione del progetto dal Consiglio di Amministrazione dell’Ente in carica nel giugno del 2019 e l’architetto Cristina Casadei.

 

Nel suo intervento il professor Franciosini, avvalendosi anche dell’ausilio di un plastico, ha illustrato le caratteristiche principali del progetto “che presenta - ha affermato - da un lato il restauro conservativo e la valorizzazione funzionale dell’edificio e dall’altro la riqualificazione del settore urbano dove ricade l’immobile, attraverso il ripristino di condizioni funzionali e spaziali coerenti con l’assetto storico della città, con le emergenze monumentali e l’architettura dell’edilizia minore”.

 

“Un progetto – ha inoltre dichiarato il professor Franciosini – che affronta i problemi della tutela, conservazione e del riuso del patrimonio storico-architettonico che si apre e coinvolge il sistema ambientale e paesistico dell’intorno e della struttura urbana”.

 

Presente all’incontro anche l’ingegner Marco Di Pietro, attuale componente del Consiglio di Indirizzo della Fondazione e nel giugno del 2019 componente del Consiglio di Amministrazione che affidò la progettazione del restauro al professor Luigi Franciosini“dopo aver valutato il lavoro e la ricerca professionale di diversi docenti di Architettura italiani - ha affermato Di Pietro - ognuno portatore di una originale innovativa moderna visione del restauro e del risanamento conservativo.

 

“Quel Cda di cui facevo parte insieme al Presidente Enrica Salvatore, il vice presidente Marino Iommarini, Giacomo Agostinelli ed Alessandro D’Ilario – ha continuato Marco Di Pietro - visse il ruolo di committente con molto scrupolo ed attenzione tenendo presente che in una città come Teramo, ricca di sedimentazioni storiche non si poteva non tener presente il rapporto fra architettura contemporanea e preesistenze. Al riguardo quindi quel Cda fece riferimento ad alcuni dei più affermati interpreti italiani delle diverse tendenze culturali (a volte opposte) che dibattono, nella dialettica tra vecchio e nuovo, riguardo la concezione del restauro.

 

Tra chi lo intende, cioè, chiuso ad ogni possibilità di intervento che non sia quello della conservazione assoluta ed integrale; a chi invece pensa a novità progettuali ad ogni costo; a chi concepisce la via della trasformazione e rigenerazione a nuovi usi e funzionalità... ed altro ancora.

 

Giungemmo ad incaricare il professor Luigi Franciosini – ha detto in conclusione Marco Di Pietro - anche perché la sua idea progettuale che oggi ha esposto cosi mirabilmente - ci era sembrata proporre la pre-esistenza, riguardo ad un edificio come Palazzo Cameli, con un originale rapporto equilibrato fra continuità e discontinuità, in coerenza con l’assetto storico della città di Teramo.

 

La procedura adottata dalla Fondazione Tercas per l’aggiudicazione dei lavori di restauro e risanamento conservativo dell’immobile è iniziata con la pubblicazione, di un Avviso “per la raccolta di manifestazioni d’interesse per la presentazione di una offerta economica per l’esecuzione di lavori edili di restauro e risanamento conservativo”.

L’Avviso - che è stato pubblicato nei giorni scorsi, sul Sito Internet della Fondazione ove è disponibile e scaricabile, insieme agli allegati, dal Menu orizzontale: sezione Trasparenza/Avvisi, della Home Page del Sito - scadrà l’8 luglio prossimo.

 

All’esito dell’Avviso la scelta delle imprese che saranno invitate a presentare una offerta avverrà a insindacabile giudizio della Fondazione e nei termini e secondo le modalità che saranno comunicate.

 

I lavori prevedono un impegno di spesa pari a 1,650 milioni di Euro.

 

Stanno quindi giungendo a termine le fasi finali della realizzazione di una Idea Progettuale fortemente voluta e presente nei Documenti Programmatici dei diversi Organi della Fondazione Tercas che si sono susseguiti nel tempo a partire dal 2010.

 

A conclusione dei lavori, l’immobile sarà destinato, come deliberato al momento dell’acquisto, ad “ampliare gli spazi per la realizzazione delle finalità istituzionali dell’Ente” attraverso l’individuazione di una scelta puntuale che gli Organi, di Amministrazione e di Indirizzo dell’Ente, saranno chiamati ad assumere, definitivamente, dopo una serie di approfondite ed opportune valutazioni.

 

Galleria
Condividi:
WhatsApp Image 2024-07-07 at 14.51.55.jpeg
WhatsApp Image 2024-05-24 at 11.04.58.jpeg
Grafica Miromobili - 300px.png
Navuss è un progetto di comunicazione integrata che prevede la pubblicazione mensile di un periodico, un sito web di informazione quotidiana per poi inserirsi nel panorama televisivo ed editoriale senza tralasciare l'organizzazione di eventi culturali e formativi.
Direttore responsabile: Serena Suriani | Registrato presso il Tribunale di Teramo con iscrizione n°711 | Contatti redazione: redazione@navuss.it - Tel. 347 1579967 | Contatti commerciale: commerciale@navuss.it - Tel. 320 3553940 | PEC: navuss@pec.it
Copyright © 2024 NAVUSS APS ETS. Tutti i diritti riservati - P.IVA e C.F: 02113590679 - Domicilio fiscale: TERAMO, VIA AEROPORTO 14/A
Condizioni e termini di utilizzo - Privacy - Cookie Policy - Dati societari - Note legali