Logo Navuss

Il caso di Patrick Guarnieri sottoposto alla Regione Abruzzo 

Attualità  | 18 June 2024

L'Aquila - Questa mattina presso il Palazzo della Regione Abruzzo il coordinamento Codice Rosso presieduto da Adele Di Rocco e il presidente dei Diritti Umani dei Detenuti Nagidia Di Rocco e vice presidente del coordinamento, uniti ai familiari del giovane giuliese Patrick  Guarnieri, morto il 13 marzo nel carcere di Castrogno dove la procura di Teramo ha aperto un inchiesta per far luce sulle cause della sua morte, sono stati accolti dall Assessore alle Politiche sociali della Regione Abruzzo Roberto Santangelo  .
A 3 mesi della tragica morte del giovane sono state numerose le manifestazionni  in suo onore e le richieste presso enti Preposti di ogni grado istituzionale .
I Presidenti delle Associazioni citati sopra, unite alla famiglia Guarnieri hanno portato il caso in un'interrogazione parlamentare discussa già a maggio e presentata questa mattina presso la Regione Abruzzo. L'interrogazione è stata accolta dall'assesore regionale Roberto Santangelo, occasione per discutere l emergenza Carcere di Castrogno e richiedere un interrogazione Regionale.
"Salgono a 4 le morti in carcere dall inizio dell anno e numerose problematiche che affollano l istituto penitenziario  sono presenti detenuti con patologie non compatibili con il sistema carcerario , detenute in gestazione , detenute con minori e come nel caso di Patrick, che dovrebbe espletare la propria pena in una sezione alternativa mirata alla riqualificazione dell individuo e alle cure specifiche. 
Importante richiesta è quella della nomina immediata della figura del Garante dei detenuti e di costituirsi Parte Civile nei processi di morti nei Carceri  presenti nella regione Abruzzo. 
La morte di Patrick Guarnieri rappresenta il fallimento del sistema carcerario e ha aperto uno scenario di violazione dei diritti umani che già nel 2017 la Comunità europea ha condannato il sistema carcerario italiano perché non in linea con il sistema carcerario europeo e per le gravi violazioni sui diritti umani" sottolinea Adele di Rocco. 

Galleria
Condividi:
WhatsApp Image 2024-05-24 at 11.04.58.jpeg
Grafica Miromobili - 300px.png
Navuss è un progetto di comunicazione integrata che prevede la pubblicazione mensile di un periodico, un sito web di informazione quotidiana per poi inserirsi nel panorama televisivo ed editoriale senza tralasciare l'organizzazione di eventi culturali e formativi.
Direttore responsabile: Serena Suriani | Registrato presso il Tribunale di Teramo con iscrizione n°711 | Contatti redazione: redazione@navuss.it - Tel. 347 1579967 | Contatti commerciale: commerciale@navuss.it - Tel. 320 3553940 | PEC: navuss@pec.it
Copyright © 2024 NAVUSS APS ETS. Tutti i diritti riservati - P.IVA e C.F: 02113590679 - Domicilio fiscale: TERAMO, VIA AEROPORTO 14/A
Condizioni e termini di utilizzo - Privacy - Cookie Policy - Dati societari - Note legali