Logo Navuss

ROCCO SCOTELLARO: UN FILO D'ERBA


Cultura  | 16 November 2023

Purtroppo Rocco Scotellaro ci ha lasciato un’opera tutta postuma. Carte orfane, che avrebbero tutte necessitato di ulteriore cura, di crescere e migliorarsi. Ma molto resta di questo straordinario poeta, comprese ingenuità e refusi. Carlo Levi si preoccupò, dal dimenticatoio (per citare un altro grande lucano, Leonardo Sinisgalli, che gli era Maestro a Rocco, direbbero dalle sue parti), di salvare di lui tutto il rimasto da questa parte. Testi di una vita passata tutta accanto ai Contadini del Sud, famiglie schiavizzate dal latifondo, rinchiuse in troppi in una stanza sola, tutte intorno alla stessa pentolaccia, tutte strette, cristiani e bestie, dentro lo stesso gelo.

Un tempo non era insolito trovare foto del poeta nelle case dei contadini lucani, adorato sulle mensole dei camini come un santo. Chissà, forse ancora oggi nelle case contadine di Lucania, sopravvissute al latifondo, alla riforma agraria del '50 – che da subito lo stesso Scotellaro si accorse insufficiente, che troppo pochi erano gli ettari affidati al mezzadro persino per campare la famiglia – e al petrolio, resiste, ingiallito o sbiadito, il ritratto fotografico del poeta.

Assordante e ancora tragico risuona il suo pesante urlo contro la sempre più derelitta magistratura italiana che lo incarcerò ingiustamente, ora come allora: “Un giudice che non si spiega le cose e deve seguire il carro del potere, è lo scrivano del carabiniere semianalfabeta, è uno schiavo principe o no che può gustare soltanto il cibo che gli portano.”1

Ancora oggi pochi conoscono la sua opera, a cento anni dalla nascita, e a settanta dalla sua improvvisa morte.

Franco Arminio in questo suo breve podcast, che prende il titolo da una magnifica breve e potente lirica del poeta di Tricarico, La mia bella patria (1949), sa ridurci e dirci la sua vita e la sua opera –   non userei solo il sostantivo utopia in riferimento a Rocco Scotellaro perché lui certamente non si fermava alla chiara stupidità della parola scritta e basta come quasi la totalità dei poeti italiani, di qualsiasi caratura essi siano, ma ha praticato la parola, addirittura quella del socialismo, e senza fare vittime, e senza limitare la libertà di nessuno quando invece la sua libertà di fare il bene fu imprigionata ingiustamente.

Con Rocco Scotellaro davvero si è avuta la transustanziazione della poesia in Azione Politica, con buona pace del labor limae.

MASSIMO RIDOLFI

 


da L’uva puttanella, Laterza, 2012, p. 83.

Galleria
Condividi:
UniTe Navuss - Banner 300x300.jpg
MODERNANTICO 300x300 x web.jpg
Dicembre Web.png
studiorilancio-banner300x300-anigif-v0.gif
WEB 300pixel parafarmacia villamosca.jpg
Navuss è un progetto di comunicazione integrata che prevede la pubblicazione mensile di un periodico, un sito web di informazione quotidiana per poi inserirsi nel panorama televisivo ed editoriale senza tralasciare l'organizzazione di eventi culturali e formativi.
PUBBLICITÀ
ALBERGO CANI.jpg
Direttore responsabile: Serena Suriani | Registrato presso il Tribunale di Teramo con iscrizione n°711 | Contatti redazione: redazione@navuss.it - Tel. 347 1579967 | Contatti commerciale: commerciale@navuss.it - Tel. 320 3553940 | PEC: navuss@pec.it
Copyright © 2023 NAVUSS APS ETS. Tutti i diritti riservati - P.IVA e C.F: 02113590679 - Domicilio fiscale: TERAMO, VIA AEROPORTO 14/A
Condizioni e termini di utilizzo - Privacy - Cookie Policy - Dati societari - Note legali